21 lug 20

Svelati i tre layout di pista per le sei gare in nove giorni del finale di stagione della Formula E a Berlino

La Formula E scalda i motori e si prepara a ripartire il 5 agosto a Berlino con sei gare in nove giorni su tre layout di pista che decreteranno il vincitore dell'ABB FIA Formula E Championship 2019/2020 per il più intenso finale di stagione nella storia del motorsport.

Team e piloti sono stati tenuti all'oscuro fino a ora riguardo ai dettagli dei layout di pista dei tre double-header e solo oggi gli organizzatori del campionato hanno svelato i tracciati che saranno utilizzati presso l'aeroporto di Tempelhof tra due settimane.

Per ogni coppia di gare verrà utilizzata una configurazione diversa: in questo modo oltre a offrire l'opportunità di attuare strategie distinte, verranno anche create le condizioni perfette per dare quel pizzico di imprevedibilità che caratterizza le emozionanti competizioni completamente elettriche su strada di Formula E.

tre piste

Per le gare 6 e 7, verrà introdotta una novità assoluta per un circuito di un campionato internazionale: a Tempelhof verrà infatti modificato il senso di marcia originale del tracciato, che passerà da antiorario a orario.

Per le gare 8 e 9, i 24 piloti di Formula E gareggeranno sul tradizionale layout di Tempelhof, utilizzato per la prima volta nella gara disputata nella stagione di esordio del campionato, ossia 2014/15.

Questi due primi double-header sono separati da 24 ore che verranno utilizzate per apportare, in brevissimo tempo, delle modifiche al tracciato, con il riposizionamento di vie di fuga, cordoli, barriere e postazioni per le riprese televisive.

La configurazione della pista di Berlino per le gare 10 e 11, che chiudono la sesta stagione, sarà completamente diversa: per questo terzo double-header è stato concepito un layout più tecnico, in cui la parte centrale e quella finale sono più strette e tortuose... un'ulteriore sfida per i team, i piloti e gli organizzatori!

I layout di Berlino

UNA GARA SENZA PRECEDENTI

"È un impegno enorme in termini di produzione allestire tre configurazioni diverse per questo evento, potendo contare su un numero minore di collaboratori sul posto per poter realizzare le modifiche" ha dichiarato Frederic Espinos, direttore sportivo della Formula E. "Stiamo per fare qualcosa di assolutamente nuovo per il motorsport a livello internazionale e questo dà un'idea di quanto sia reattiva e innovativa la Formula E... è nel nostro DNA".

"Correre in entrambi i sensi di marcia ha molte implicazioni. Non si tratta solo di girare tutti i cartelli di frenata e di invertire l'ordine dei box. Altri campionati internazionali hanno provato a realizzare questa impresa, ma ogni proposta è stata respinta dall'organo direttivo."

"Dobbiamo avere la certezza che tutto sia pronto, la tecnologia per le riprese televisive, gli overlay, i cartelli pubblicitari, le misure di sicurezza, le barriere, i cordoli e le via di fuga e programmare ogni attività al fine di raggiungere tale obiettivo: tutto questo deve essere fatto in sole 24 ore e con un numero ridotto di risorse".

"Il terzo tracciato sarà più tecnico, quindi totalmente diverso in termini di gestione dell'energia rispetto a ciò a cui i team sono abituati o a ciò che si aspettano".

"In generale, abbiamo cercato di rendere la vita difficile a tutti a Berlino, limitando l'efficacia delle esercitazioni con il simulatore e cercando di far saltare ogni tipo di strategia. Tutti gli assetti delle auto dovranno essere cambiati, la gestione dell'energia e il regen saranno completamente differenti e i team saranno costretti a improvvisare."

"Piloti e ingegneri dovranno lavorare molto per assumere il controllo della situazione prima dell'inizio della gara e penso che i fan della Formula E, già abituati a spettacoli caratterizzati da improvvisi colpi di scena, saranno entusiasti per tutte queste novità".

SEMPRE INNOVATIVI

Il progetto "NILREB" di cambiare il senso di marcia al circuito di Tempelhof era già in programma prima della pandemia globale. Il team sportivo della Formula E cerca sempre di sorprendere concorrenti e fan.

"La FIA e le autorità motoristiche tedesche ci hanno supportati sempre e in maniera costruttiva, dando modo al nostro team di ingegneri di pista di realizzare tutto questo. Siamo loro grati per il supporto e la cooperazione" ha dichiarato Espinos.

"Il progetto NILREB era in corso prima dell'attuale situazione. Il nostro intento era quello di correre un giorno in senso orario e un altro in senso antiorario. Abbiamo cominciato a lavorarci alla fine dell'anno scorso e abbiamo costituito un gruppo di lavoro alla fine di febbraio."

"Ci siamo impegnati per trovare un'idea super e non costosa. Stavamo lavorando su questa idea già prima che si verificassero le circostanze attuali, perché diamo sempre del nostro meglio per sorprendere gli appassionati e fare qualcosa di nuovo e all'avanguardia."

MITIGAZIONE DEI RISCHI

La Formula E e la FIA hanno collaborato con i team e le autorità locali per definire un piano efficace per concludere il campionato in totale sicurezza. Per mitigare i rischi, la Formula E sta adottando severe misure di sicurezza, tra cui lo svolgimento delle gare a porte chiuse, con la sola presenza dei team e degli addetti ai lavori.

Secondo le linee guida del governo tedesco, è previsto un numero massimo di 1.000 persone sul posto in qualsiasi momento, inclusi i fornitori locali e lo staff medico, e ogni team di Formula E potrà contare su un personale ridotto. Tutte le altre operazioni verranno eseguite in remoto.

I protocolli chiave per la salute e la sicurezza includono i test per il coronavirus, obbligatori prima delle gare, nonché lo screening in loco ogni giorno all'arrivo in pista. La Formula E imporrà inoltre attivamente l'uso di mascherine e il distanziamento sociale e limiterà il movimento tra le aree di lavoro con zone chiaramente definite per diversi gruppi di persone.

La stagione 2019/20 riprenderà il 5 agosto. Sincronizza il calendario e visita il sito fiaformulae.com per seguire tutti gli aggiornamenti e le analisi prima delle gare di Berlino.